REVISIONE PRINCIPI E CRITERI DI ASSEGNAZIONE DEL PREMIO MANGIA

REVISIONE PRINCIPI E CRITERI DI ASSEGNAZIONE DEL PREMIO  MANGIA

La città di Siena è fortemente impegnata nel rispondere  ai profondi cambiamenti economici e sociali che si stanno manifestando all’interno ed all’esterno della nostra Comunità. 

Perché questo avvenga nel modo più efficace, occorre partire  dalla consapevolezza della forza delle nostre tradizioni e delle nostre radici, e valorizzare  al meglio il prezioso patrimonio culturale e sociale che ci caratterizza e la creatività  della nostra gente.
Il Concistoro del Mangia vuole dare il proprio contributo a tale fase, imprimendo nuovo slancio e valore al premio che da decenni esso assegna e che rappresenta un giusto riconoscimento a quanti con la loro opera contribuiscono a dare prestigio alla nostra città, tenendo alto il suo nome in ogni contesto.

A questo fine, il Magistrato delle Contrade, l’Università degli Studi di Siena e il Gruppo  Autonomo Stampa  Senese, membri del comitato ristretto per la presentazione delle candidature, d’intesa, pur non unanime, con gli altri membri del Concistoro, ritengono  opportuno aprire una riflessione volta a rivedere i caratteri che definiscono il Premio Mangia, alla luce del generale sforzo che la nostra comunità sta esercitando.
Per l’anno 2013 l’assegnazione  del “Mangia” viene pertanto sospesa, così da poter avere, assieme alla nuova amministrazione comunale, il tempo necessario per la necessaria revisione dei  principi guida, i metodi di scelta e i tempi di assegnazione del nostro amato premio.
Riteniamo che, al termine di questa riflessione , il Concistoro possa offrire alla nostra comunità civica , fin dal prossimo anno, e tramite questo significativo premio, una ulteriore occasione di condivisione e coesione sociale.